Tag name:destino

L’anello che non tiene

Composta di cinque racconti brevi più un atto unico, e conclusa da una deliziosa e inquietante favola, questa raccolta propone al lettore una galleria di destini che si incrociano, nel momento decisivo del loro compiersi, con eventi esterni capaci di catalizzare la manifestazione di una crisi latente e di condurre necessariamente i personaggi alla scoperta ultima, irreversibile ed accecante, del senso della loro esistenza. Così avviene per l’olimpico ed epicureo professore e papirologo del racconto di apertura (L’anello che non tiene) o per il giovane prete appassionato fustigatore dei costumi (Il predicatore); così anche per l’insegnante di filosofia, solitario e patetico custode del fantasma della sua adolescenza (Il rendez-vous mancato); per il vulcanico ed egocentrico artista veneziano, smascherato dal suo tetro alter ego (Maschere di carnevale); e per la casalinga malmaritata che conclude con un atto di crudeltà, barattata per amore, la lunga e triste parabola del suo matrimonio fallito (Atto d’amore).
Scritti in uno stile limpido e levigato, costantemente modulato e sorretto da una ironia vigile e malinconica, questi racconti (riproposti in una seconda edizione riveduta) hanno segnato l’esordio narrativo di un autore già conosciuto come filologo classico e panflettista.

EstrattoAnelloCheNonTiene

L’Orologio Parallelo

E’ una raccolta di tre racconti nati dalla fantasia di Gianni Maritati, Vice Redattore Cultura del Tg1. Michele Gentile, Cinzia Baldini e Monica Baldacchino ridisegnano le tre storie che hanno come tema comune quello del tempo.
Diverse le sfumature, gli stili, un romanzo che descrive in modo poetico e originale lo scorrere degli anni nel sentir e nelle emozioni di fantastici personaggi…

lorologio parallelo.jpg (3 KB)

lorologio parallelo.jpg (3 KB)

L’alga del tè

20 October, 2008 / No Comments on L’alga del tè

Una presenza ostile in casa, celata dietro un oggetto inanimato, ricettacolo di preghiere quotidiane. Ogni volontà umana annullata, trasfigurata in una superstiziosa smania di ottenere fortuna dal destino. La devozione segreta di una madre piegata sulla sua piccola, innocua divinità, cieca ai segnali che dal di fuori il mondo le invia, cieca ai doni che la vita già le ha elargito. Il destino, poi, richiede sempre una ricompensa. Come rifiutarsi, una volta ottenuto “il dono”? E cosa dare in cambio, che abbia altrettanto valore?

L’alga del tè.jpg (29 KB)

L'alga del tè.jpg (29 KB)

  • Meta