Tag name:famiglia

Come ricostruire la nostra Europa

L’Unione Europea sta attraversando una profonda crisi, i cui problemi, segnati dal peso delle ideologie del secolo scorso, possono essere risolti solo con l’unità di intenti. I Trattati istituenti si fondano solo su criteri economici, tralasciando l’integrazione politica necessaria per risolvere le questioni inerenti. Ma la cosa più grave è l’esclusione dei fattori identitari che caratterizzano le Nazioni europee, tutte appartenenti alla stessa civiltà che è imperniata sulla Religione Cristiana. Trattando questi temi, COME RICOSTRUIRE LA NOSTRA EUROPA ha lo scopo di presentare delle proposte e aprire un dibattito costruttivo su quale modello istituzionale bisogna dare all’Europa per il Terzo Millennio, in modo da garantirle l’indipendenza, non solo politica, ma anche economica, demografica e culturale.

Solitari cacciatori i nostri cuori

Santo è un ragazzo che vive ai margini della società. La sua famiglia vive spacciando droga e la sua prima preoccupazione è la mera sopravvivenza. Durante una sfida con una band locale resta ucciso un suo amico del liceo Kete, che prima di morire gli fa promettere di imparare a suonare per lui uno strumento musicale per vincere la gara regionale per giovani musicisti; premio con cui doveva curare la madre malata di cancro. Santo si innamora della madre di Kete e prima di vincere per lei il concorso decide a cosa e a chi dovrà dedicare la sua vita. Il libro insegna come ad arrivare a realizzare un grande sogno.

cover sito J. Miu_solitari – fronte.jpg (50 KB)

cover sito J. Miu_solitari - fronte.jpg (50 KB)

cover sito J. Miu_solitari – estesa.jpg (108 KB)

cover sito J. Miu_solitari - estesa.jpg (108 KB)

Profumo d’incenso

Titolo: “Profumo d’incenso”
Autore: Valentina Bellettini
Casa editrice: Giraldi Editore
Genere: Narrativa – Romanzo breve
Prezzo: 10 euro (disponibile su IBS.it)

Trama:
“Marta Franchini è una tredicenne un po’ confusa: deve affrontare l’esame di terza media, dovrà scegliere l’indirizzo superiore ed in questa che è l’età dei cambiamenti che condizionano l’esistenza, lei non sa nemmeno scegliere il tema d’esame, figuriamoci l’aspirazione della sua vita. Un giorno trova un depliant lasciato dalla sorella in partenza per l’Egitto; leggendo, s’interessa della storia d’amore fra la dea Iside ed il dio Osiride tanto che finisce col sognarli. Da quel momento, ogni volta che la ragazzza sogna, diventa Iside a tutti gli effetti: parla la lingua egizia, ha le fattezze della dea ed il suo aspetto, e quando s’accorgerà di provare anche dei sentimenti che prima di allora gli erano sconosciuti, la situazione si complicherà: chi è lei veramente? Marta o Iside? Un’avventura fantastica tra sogno e realtà, fantasia e logica.”

Presentazione:
La protagonista della storia, Marta, è una semplice studentessa delle scuole medie inferiori, alle prese con i problemi della quotidianità, almeno fino a quando un’inaspettata passione per l’Egitto si traduce nei suoi sogni notturni: Marta s'”incarna” nella dea egizia Iside, vivendo una serie di avventure nei suoi panni..
Il racconto è un continuo intreccio fra sogno e realtà (da Marta a Iside) dove incontri, emozioni, magia e sentimenti, porteranno la protagonista a non riconoscere più la sua vera identità.
La storia funge da cornice a quelle che sono le grandi tematiche dell’esistenza: l’indecisione sul cosa fare nella vita, il rapporto fra genitori e figli, la difficile integrazione nella società, la fede cristiana e le altre religioni, e tra le tante, si narra anche di nascita e di morte. A questo proposito, preciso che della leggenda ho volutamente aggirato alcuni particolari dal tono un po’ troppo forte (elementi comunque non fondamentali ai fini della storia) secondo me non adatti al pubblico giovane, ma non per questo ho escluso argomenti quali la maternità ed il sentimento di vendetta, poiché il tema centrale del mito è l’uccisione del dio Osiride, marito d’Iside.

I personaggi:
Marta, la protagonista, rappresenta l’adolescente sognatrice che non sa concretamente cosa vuole fare nella vita; Laura, è l’esatto contrario ed è colei che aiuta la sorellina fin dall’inizio (ma inconsapevolmente) a trovarsi un obiettivo; la madre Marinella rappresenta la ragione, è psicologa di professione ed il suo modo di pensare è continuamente in contrasto con quello della protagonista.
Mi sono poi permessa d’inventare una personalità specifica ad ogni divinità: Iside con la sua potenza mista all’insicurezza e ai pensieri di Marta;
il dio sciacallo Anubi e la sua benevolenza nonostante l’aspetto che incute timore; Osiride, che rappresenta la forza dell’amore e la fiducia nel futuro;
il dio falco Horus, figlio d’Iside ed Osiride, rappresentante anch’esso la forza dell’amore unita alla speranza.
Vista la natura della leggenda essenzialmente drammatica, ho sentito la necessità di alleggerire l’atmosfera, talvolta con l’ingenuità di Marta, ma soprattutto attraverso il grottesco dio Bes al quale ho affidato un ruolo comico.

Per ulteriori informazioni, visitare
http://valentinabellettini.spaces.live.com

Prefazione.doc (21 KB)

Conservazione dell’amore coniugale – Sessualità e affettività nella terza età

L’ultima opera di Veniero Scarselli.
Scritta in collaborazione con la moglie Gemma Menigatti, vuole aiutare l’anziano in difficoltà per problemi erettili o affettivi.
Questa volta è il Biologo, più che il Poeta, a dire chiaro e tondo che non è “roba da giovani” desiderare di ritrovare il piacere dell’intimità sessuale con la propria compagna e suggerisce i comportamenti e le pratiche atte a risvegliare nella coppia la sopita attrazione fisica.

Conservazione dell’amore coniugale – Sessualità e affettività nella terza età
112 pagg, € 10, formato tascabile, si può richiedere a
Campanotto Editore, Udine Tel. 0432.699390 E-mail: edizioni@campanottoeditore.it

Il giardino irraggiungibile

“Il giardino irraggiungibile” di Caterina Saracino, è un romanzo ambientato tra i vicoli suggestivi di una piccola città pugliese. E’ la storia di un amore viziato nel presupposto perché indirizzato all’immagine di una persona e non alla sua vera essenza.
Il protagonista è Elia Dori, un giovane che si innamora di Sharbat, una ragazza che percepisce come una specie di angelo asessuato, fuori dal tempo e dalla realtà dei teen-ager dell’era moderna, e per la prima volta nella sua vita accantona l’idea del sesso, visto come contaminazione.
Da parte sua, invece, Sharbat è una ragazza che pur non avendo sperimentato la sessualità, ne è fortemente attratta, complice la ribellione ad un’educazione eccessivamente morigerata.
La vita del giovane Elia viene coinvolta in un conflitto di non facile soluzione, che sembra accomunarlo a quello vissuto anni addietro dal padre, che ha scelto di sposare una donna (la madre di Elia) pur amandone un’altra.
Pur amando Sharbat in maniera del tutto priva di implicazioni erotiche, Elia porta avanti una relazione basata sul sesso con una donna di tredici anni più grande, Janira. Quest’ultima vive nel terrore che lui possa abbandonarla e manifesta una personalità in cerca di equilibrio: sposta continuamente gli oggetti e i mobili della propria casa.
Sharbat è anche oggetto delle attenzioni della sua datrice di lavoro, una donna sola e invischiata nell’usura. La morte di questa segnerà un punto di svolta nella vicenda, perché Sharbat comincerà ad aprire gli occhi su di sé e sull’immagine che offre agli altri.
Ruotano intorno a loro molti personaggi, tra cui: Giorgio, stagista presso l’agenzia pubblicitaria dove lavora Elia, innamorato di Andy, un ragazzo che lotta contro la propria natura omosessuale.
Elia, complice l’interruzione dei rapporti col padre, la risvegliata ombra del passato, lo strano amore non senza ostacoli verso Sharbat, arriverà poi a sconvolgere la vita propria e della ragazzina…
Il personaggio dunque subisce una involuzione. E l’involuzione sembra essere in un certo senso anche il destino di Sharbat…

Il romanzo focalizza l’attenzione su diverse questioni:

-quanto sia difficile essere se stessi in una comunità in cui l’omologazione la fa da padrona e nella quale “le piccole personalità speciali” sono spesso fraintese, malviste o, se riferite a soggetti deboli, schiacciate.

-quanto, purtroppo, l’omosessualità sia ancora lontana dall’accettazione, a volte anche da parte di chi la vive.

-quanto l’immagine che una persona offre di sé possa non costituire la chiave d’interpretazione della sua anima, con conseguenze anche disastrose, e quindi di come sia importante andare oltre l’apparenza e i propri schemi mentali.

Il libro è edito dalla Enrico Folci Editore.

  • Meta