Tag name:ricordi

Verso l’orizzonte

E’ un omaggio a Lorella Cuccarini, ballerina, showgirl, cantante, attrice, donna di successo e benefattrice. A lei Maria Cuono dedica un’intensa silloge di poesie, scritte durante l’arco di tutta la sua vita. Fra le pagine scorrono ricordi, momenti di vita vissuta, persone importanti, episodi della fanciullezza o dell’adolescenza, riflessioni profonde sul senso della vita, sui sentimenti, su fatti d’attualità.

Può essere acquistato
1) online con una e-mail a: info@kimerik.it
2) puoi prenotarlo telefonando al n° telefonico 094 121 503
3) puoi acquistarlo on line sul sito della Casa Editrice: http://www.kimerik.it/Acquistare.asp
Fra meno di 20 giorni potrà essere ordinato nelle librerie del circuito Kimerik http://www.shoplibri.com/Circuito.asp
4) dai Campani direttamente anche dall’autore con dedica

Una manciata di “bristulini” – pezzetti di ricordi nel cassetto della nostalgia di lontane estati trascorse a Bellaria nella Riviera Romagnola

Bellaria, ridente cittadina della Riviera Adriatica di Romagna, rivisitata e sublimata dall’autore in un sogno rievocativo, diviene “Brezza Marina”, sito immaginario e scrigno di ricordi.
Ricordi di estati lontane,di luminose vacanze al mare,quando il viaggio si faceva ancora in treno a vapore. Quando sulla spiaggia s’allineavano le file di grandi tende rettangolari e le barche dei pescatori avevano vele dai caldi colori,quasi tibetani.
Quando i grattacieli non erano ancora spuntati sulla Riviera, i pedalò erano sconosciuti e il profumo del pesce in graticola percorreva le piccole strade perpendicolari al lungomare fino alla spiaggia. Immagini e sensazioni, “bristulini” (brustolini) di un mondo scomparso alla vista,ma non nella memoria e nel cuore

Copertina.jpg (172 KB)

Copertina.jpg (172 KB)

Bristulini.doc (574 KB)

Il miliardario pezzente

Mai avrei pensato di dedicarmi un giorno alla scrittura, tranne che per la corrispondenza o per questioni legate alla mia professione.
Ad un certo punto, invece, mi sono ritrovato fra tanti fogli pieni di appunti, idee e qualche penna esaurita e da lì ha cominciato a prendere forma nella mia mente l’idea di scrivere un libro.
Per il fatto di aver adoperato tanto inchiostro mi piace definirmi “ l’operaio amico della penna ”…
Ringrazio coloro i quali, inconsapevolmente, hanno contribuito a rendere possibile la stesura di molti fatti che ho narrato e a far rivivere atmosfere un po’ dimenticate..
Grazie a Rossana che, con il suo assiduo impegno nella correzione delle bozze, ha trasformato quello che all’inizio sembrava un passatempo in un vero e proprio lavoro,svolto con tanta dedizione.
La ringrazio anche per avermi “sopportato”.

SINOSSI.doc (29 KB)

Immagine 010.jpg (872 KB)

Immagine 010.jpg (872 KB)

  • Meta