Una tribù all’ombra delle foglie di coca / Per una nuova cultura del territorio

By emma viviani

Una tribù all’ombra delle foglie di coca è la narrazione vivace di un racconto di esperienze vissute da persone toccate da problemi difficili di tossicodipendenza e carcere, che decidono, guidati da un operatore sociale del Ser.T
( l’autrice), di dar vita ad un’esperienza nuova per ricostruire la loro vita.
Il libro nasce da un’esperienza condotta per 10 anni, all’interno del Ser.T di Viareggio – servizio per le tossicodipendenze – e mira a condurre il lettore in un’avventura che, come allora per gli ‘indios’ delle tribù del XVI secolo, si svolge in una giungla, ma quella odierna: fatta di intrighi e sclerotizzazioni che rivestono il tessuto istituzionale dei servizi socio-sanitari.
Solo all’ombra del Parco La Fenice ( un’area verde dismessa e degradata, riqualificata dal gruppo nel Parco La Fenice), questi indios (i drogati di un Sert – tribali – perché ancora poco ‘civilizzati’) crescono e manifestano la loro cultura, appartenente ad un’altra civiltà: quella degli esclusi. Essi, ascoltati dignitosamente, come narra il racconto dell’esperienza, sprigionano la loro bellezza, disegnando una civiltà fatta di profonda umanità, di speranza, fantasia e creatività.
Il Parco La Fenice : il luogo che prima era destinato allo spaccio di droga – precedentemente Parco della Rotaia per la vicinanza alla linea ferroviaria Viareggio-Lucca – ora diviene il luogo dell’ombra, cioè il luogo dove le persone, come la tribù, possono crescere indisturbate, quasi un ritorno immaginario alle foreste verdi incontaminate prima della colonizzazione degli Spagnoli nel sudamerica. Rinascere a nuova vita attraverso la cultura, quella linfa vitale che pervade la tribù, la sua forza ideativa, creativa, fantasiosa, lontana dagli schemi freddi e burocratici dei servizi socio-sanitari e del vivere quotidiano.
Al libro è stato è stato conferito il Premio Speciale all’interno del Concorso Internazionale di narrativa e poesia, XIII Edizione, indetto da ACSI “Firenze Capitale d’Europa”.

04_capIV_77.pdf (30 KB)

COVER RIDOTTA.JPG (132 KB)

COVER RIDOTTA.JPG (132 KB)

Comments: 1

  1. Ass. Nuovi Orizzonti Latini says:

    Embajada de Bolivia en Italia

    INVITO

    Proiezione del Documentario boliviano AKULLIKU

    Venerdì 28 gennaio, Sala Santa Rita – Piazza Campitelli (Via Montanara 8) Roma

    L’Ambasciata dello Stato Plurinazionale della Bolivia in Italia e Rappresentanza Permanente presso le Organizzazioni Internazionali a Roma, ha l’onore di invitare la S.V venerdì 28 gennaio, ore 18:00 presso la Sala Santa Rita, di Piazza Campitelli, alle ore 18.00, alla proiezione del documentario boliviano, “AKULLIKU” che racconta la pratica millenaria e culturale di masticare foglie di coca da parte delle popolazioni indigene dei Paesi dell’America Latina.

    Inoltre, dopo la presentazione del documentario, ci sarà un dibattito in merito alla proposta boliviana di modifica dell’articolo 49, commi 1c e 2e della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961, recante il divieto di masticare foglie di coca.

    Sarà presente il Gruppo musicale bolivisi presenterà il Gruppo musicale boliviano “Taki Wayra”.

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

  • Meta